FILOLOGIA LATINA
cod. 1005162

Anno accademico 2021/22
2° anno di corso - Primo semestre
Docente
GIBERTINI Simone
Settore scientifico disciplinare
Lingua e letteratura latina (L-FIL-LET/04)
Campo
Filologia, linguistica e letteratura
Tipologia attività formativa
Caratterizzante
30 ore
di attività frontali
6 crediti
sede: PARMA
insegnamento
in ITALIANO

Obiettivi formativi

L’insegnamento di Filologia latina consentirà agli studenti di acquisire conoscenze e capacità di comprensione di base nel campo della filologia e della critica testuale attraverso la presentazione di testi in lingua, correlata alla loro esegesi e contestualizzazione storico letteraria. Essi saranno in grado di applicare conoscenza e capacità di comprensione per una prima autonoma analisi dei testi latini, con buone competenze nella traduzione, nel raccogliere e interpretare dati e formulare giudizi sul contesto storico e culturale Saranno in grado di comunicare efficacemente e con chiarezza gli elementi di base della critica filologica , per intraprendere studi successivi nell’ambito delle discipline classiche ed inserirsi con spirito critico nel mondo del lavoro.

Prerequisiti

Il corso presuppone l'acquisizione di 12 crediti nel SSD Lingua e letteratura latina. Chi avesse già acquisito almeno 18 cfu nel settore L-FIL-LET/04 è tenuto a superare una prova scritta di latino ("prova scritta di latino"). Seguiranno aggiornamenti in merito allo svolgimento di detta prova scritta.

Contenuti dell'insegnamento

I. Parte istituzionale

La filologia latina: statuto, storia, sviluppo della disciplina. "Excursus" dall'Antichità ai giorni nostri. Particolare attenzione sarà dedicata all'analisi di alcuni manoscritti particolarmente significativi nella storia della tradizione classica attraverso le moderne riproduzioni digitali.

II. Parte monografica

"Plus in amore ualet Mimnermi uersus Homero". Il primo libro di Properzio: problemi di ecdotica e interpretazione

Programma esteso

- - -

Bibliografia

I. Parte istituzionale

1. Leighton D. Reynolds-Nigel G. Wilson, "Copisti e Filologi. La tradizione dei classici dall’antichità ai tempi moderni", III ed., Padova, Antenore, 1987, oppure IV ed., riveduta e ampliata, Roma-Padova, Antenore, 2016, (Medioevo e umanesimo, 121)
2. Alfonso Traina-Giorgio Bernardi Perini, "Propedeutica al latino universitario", VI ed. riv. e aggiornata, a cura di Claudio Marangoni; rist. a cura di Alfonso Traina e Bruna Pieri, Bologna, Pàtron, 2007 (Testi e manuali per l'insegnamento universitario del latino, 9), cap. VIII: "La critica del testo".
3. Lettura domestica: Cicerone, "De divinatione", libro I, nella ed. Marco Tullio Cicerone, "Della divinazione", a cura di Sebastiano Timpanaro, Milano, Garzanti, 1988, e successive ristampe (I grandi libri Garzanti, 360). Su questa edizione vd. Sergio Audano, “Rileggendo il De divinatione di Timpanaro”, in “Omaggio a Sebastiano Timpanaro”, a cura di Walter Lapini, in «Sileno. Rivista semestrale di studi classici e cristiani fondata da Quintino Cataudella», a. XXXIX, ff. 1-2, 2013, pp. 13-24.

II. Parte monografica

Edizione critica di riferimento: "Sexti Properti Elegiarum libri IV", edidit Paulus Fedeli, editio correctior, Stutgardiae et Lipsiae, in aedibus B. G. Teubneri, 1994 (Bibliotheca scriptorum Graecorum et Romanorum Teubneriana).

Edizione con traduzione italiana di riferimento: Sesto Properzio, "Elegie", introduzione di Paolo Fedeli, traduzione di Luca Canali, commento di Riccardo Scarcia, Milano, Biblioteca universale Rizzoli, 1987, e successive ristampe (BUR. L ; 602), oppure, Properzio, "Il libro di Cinzia (Elegie I)", a cura di Paolo Fedeli e Rosalba Dimundo, traduzione di Angelo Tonelli, Venezia, Marsilio, 1994, e successive ristampe, (Il convivio; Letteratura universale Marsilio).

Commento di riferimento: Sesto Properzio, "Il primo libro delle Elegie", introduzione, testo critico e commento a cura di Paolo Fedeli, Firenze, Olschki, 1980 (Studi / Accademia toscana di scienze e lettere La Colombaria, 53).

Le letture critiche saranno indicate durante il corso.

Metodi didattici

Lezioni frontali ed esercitazioni. Tutto il materiale didattico (tavole, diapositive, ecc.) usato durante il corso sarà caricato sulla piattaforma “Elly”, https://elly2021.dusic.unipr.it/

Modalità verifica apprendimento

L’esame consiste in una verifica finale sugli argomenti del programma. Gli studenti dovranno mostrare competenze di base nel tradurre gli autori proposti durante le lezioni e nella lettura del testo critico e relativo apparato dei medesimi, nonché una conoscenza di base di storia della filologia latina. Criteri di valutazione: chiarezza nell’esposizione, proprietà di linguaggio, capacità di collegamenti interdisciplinari, pertinenza delle risposte.
La sufficienza sarà raggiunta in caso di risposta corretta al 60% delle domande poste

Altre informazioni

Per il ricevimento lo studente è invitato a contattare il docente al seg. indirizzo di posta elettronica: simone.gibertini@unipr.it o al seg. numero telefonico: 0521.90 6693. Il docente riceve nello studio presso l'Unità di Filosofia del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali, strada M. D'Azeglio, 85, 2° piano, Codice vano S.I.P.E. 06.01.2015, seconda porta a sinistra (dopo la Segreteria) per chi entra da piazzale S. Croce.

IMPORTANTE: a far data dal 01.09.2021 il ricevimento si potrà svolgere in presenza previo appuntamento o nella modalità della teleconferenza, via "Teams", sempre previo appuntamento. Gli interessati sono invitati a contattare il docente al seg. indirizzo di posta elettronica simone.gibertini@unipr.it o al seg. numero telefonico: 0521.90 6693 oppure 339.75 36 503.


Tanto si comunica per l'opportuna conoscenza.

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 15 settembre 2021 ore 11.45