Tirocini

L'Università di Parma promuove i tirocini curriculari al fine di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro e la realizzazione di momenti di alternanza tra studio e lavoro.

Il tirocinio curriculare integra e completa il percorso formativo dello studente e della studentessa mediante lo svolgimento di attività pratiche che, in base a quanto previsto dal Regolamento Didattico del proprio corso di studio, possono essere svolte in strutture interne all'Università o esternamente presso qualificati enti pubblici e privati con i quali l'Ateneo abbia stipulato appositi accordi.

Il tirocinio coinvolge tre soggetti: lo/la studente studentessa, il soggetto promotore (l'Università di Parma) e quello ospitante (azienda o ente) presso cui l'attività viene svolta sotto la guida di un/una tutor universitario/a, un/una docente dell'Ateneo, e di un/una tutor aziendale.

Il tirocinio curriculare non costituisce premessa per un rapporto di lavoro fra il/la tirocinante e la struttura ospitante né può essere sostitutiva di manodopera aziendale o di prestazione professionale.

Tirocini e stage

Il tirocinio (150 ore, 6 Cfu) si svolge al 3° anno presso un soggetto pubblico (scuole di ogni ordine e grado, uffici comunali o regionali, biblioteche, enti per il turismo, camere di commercio) o privato (ufficio estero di aziende o di banche, scuole di lingue, agenzie di traduzione e interpretariato, associazioni di volontariato e cooperazione, reception di alberghi, villaggi turistici, associazioni culturali, case editrici…)

L’attività di tirocinio può anche essere svolta all’interno di una struttura dell’Ateneo. Nel momento della compilazione del piano di studi lo studente deve porre particolare attenzione al tipo di tirocinio che intende svolgere, indicando se si tratta di tirocinio esterno o interno. È inoltre importante che l’attività di tirocinio sia attinente al percorso di studi dello studente (ambito linguistico e/o letterario).

Attivare i Tirocini

L’attivazione dei tirocini avviene esclusivamente online attraverso l’applicazione ESSE3, a cui accedono gli studenti, gli enti ospitanti e i tutor accademici.

Tutte le informazioni che riguardano l’attivazione e la gestione dei tirocini sono reperibili al seguente link: https://www.unipr.it/tirocini-curriculari-online

Attivazione Tirocinio esterno

1. Scelta dell’ente ospitante

Lo studente può porre la propria candidatura alle opportunità già presenti su ESSE3 oppure può scegliere autonomamente un ente o un’azienda che dovrà inserire il Progetto Formativo sulla piattaforma. In questa prima fase è fondamentale che lo studente contatti il tutor accademico, prima di inserire il progetto su Esse3,  e gli proponga la bozza del progetto formativo che il tutor potrà approvare o modificare suggerendo eventuali correzioni.

2. Scelta del tutor accademico e conferma del Progetto Formativo da parte dello studente

Tutor accademico: a seconda dell’iniziale del proprio cognome lo studente sceglierà il tutor accademico che lo seguirà nel suo percorso di tirocinio seguendo lo schema qui riportato:

Angeletti:
A
Beretta:
B
Beseghi:
C
Cabassi:
D; E;
Canepari:
F
Ghidini:
G
Ragusa:
H; I; J; K; Z
Pessini Alba:
L; N;
Martines:
M
Perotti:
O; Q; R;
Giulia De Florio:
P
Valenti:
S
Valero:
T; U; V; W; X; Y.
         

 

3. Inizio del tirocinio.

Dopo che l’U. O. Tirocini e il tutor accademico avranno approvato il tirocinio su ESSE3, lo studente potrà iniziare la propria attività e registrare le ore svolte sull’apposito modulo (Modulo A, 'scheda presenze' vedi file allegato)

4. Durante il tirocinio

A metà del percorso di tirocinio lo studente prenderà nuovamente contatto con il proprio tutor accademico per informarlo (a ricevimento) sull’andamento della sua attività e segnalare eventualmente problematiche meritevoli di attenzione.

5. Chiusura del tirocinio

Alla fine del tirocinio, lo studente e il tutor aziendale compilano il questionario di valutazione presente su ESSE3. Lo studente deve inoltre caricare sulla piattaforma i fogli delle presenze firmati solamente dal tutor aziendalenon dal tutor accademico. (Modulo A, 'scheda presenze' vedi file allegato) e la relazione di tirocinio (Modulo B, 'redazione relazione finale' vedi file allegato). Dopo aver verificato che lo studente abbia caricato tutti i documenti richiesti, il tutor accademico approva l’attività svolta. I 6 Cfu verranno caricati sulla carriera dello studente dagli uffici competenti.

Attivazione Tirocinio interno

Se lo studente opta per un tirocinio offerto da una struttura interna all’Ateneo, è necessario che si rivolga al/alla Referente per i tirocini del Corso di Studi, che provvederà a caricare la pratica in ESSE3. A tal fine, lo studente dovrà inviare via mail i seguenti dati:

  • numero di matricola
  • data precisa di inizio e di fine tirocinio
  • luogo di svolgimento del tirocinio
  • nome del Referente aziendale dell’Ateneo
  • Progetto Formativo approvato dal tutor accademico.

Lo studente individuerà un tutor accademico seguendo le stesse modalità previste per il tirocinio esterno. Quando il referente tirocini avrà avviato la procedura di tirocinio interno, lo studente potrà scegliere il suo tutor accademico su ESSE3 e la procedura sarà la stessa di quella prevista per il tirocinio esterno.

Riconoscimento attività già svolta

È possibile far riconoscere come tirocini esterni attività già svolte dagli studenti. È tuttavia necessario che vengano rispettate alcune condizioni:

1. - svolgimento del tirocinio durante gli anni di iscrizione all’Università di Parma
2. - contenuti coerenti con il percorso di studi
3. - essere in possesso di un’adeguata documentazione emessa dal soggetto ospitante che riporti i seguenti dati:

    - data di inizio e fine del tirocinio
    - monte ore complessivo del tirocinio
    - descrizione dettagliata e precisa delle attività svolta
    - valutazione da parte del soggetto ospitante dell’attività svolta

Se in possesso di questa documentazione, lo studente contatterà il Presidente di Corso, Prof. Stefano Beretta, per la presentazione della domanda di riconoscimento.