ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO
Partizione: Cognomi A-L

Anno accademico 2023/24
1° anno di corso - Annuale
Docenti
Settore scientifico disciplinare
Diritto privato (IUS/01)
Ambito
Ambito aggregato per crediti di sede
Tipologia attività formativa
Base
97 ore
di attività frontali
12 crediti
sede: PARMA
insegnamento
in ITALIANO

Obiettivi formativi


Il corso fornisce le conoscenze e la comprensione degli istituti giuridici fondamentali del nostro ordinamento, consentendo di acquisire competenza in ordine alla comprensione e interpretazione delle norme che disciplinano i principali istituti privatistici. Al termine dell’attività formativa, lo studente dovrebbe avere acquisito conoscenze e competenze relative ai principali temi e alle più importanti questioni del diritto privato. Ci si attende, in particolare, che lo studente sia in grado di: 1. Conoscere le norme giuridiche contenute nel Codice civile e nelle principali leggi speciali, aventi ad oggetto gli istituti fondamentali; ricordarne le definizioni basilari; comprenderne i concetti; interpretare le norme con metodo sistematico (conoscenza e capacità di comprensione). 2. Applicare le nozioni acquisite a semplici fattispecie concrete, sotto la guida del Docente (capacità di applicare conoscenza e comprensione). 3. Sapere analizzare autonomamente elementari casi della realtà, attraverso il procedimento di interpretazione del fatto e la sua qualificazione giuridica (autonomia di giudizio). 4. Sapere esporre brevi conclusioni della propria analisi del caso concreto (abilità comunicative). 5. Saper valutare le soluzioni alternative agli elementari casi concreti considerati (capacità di apprendere).

Prerequisiti


L'esame di istituzioni di diritto privato è propedeutico a tutti gli altri esami di profitto, eccettuati quelli appartenenti ai settori scientifico-disciplinari IUS/19 (Storia del diritto italiano), IUS/20 (Logica, argomentazione e informatica giuridiche) e SECS/P01 (Economia politica). Nessun esame è propedeutico all'esame di Istituzioni di diritto privato.

Contenuti dell'insegnamento


Il corso di Istituzioni di diritto privato è suddiviso in cinque parti fondamentali: la prima prende in considerazione il concetto di ordinamento giuridico, le fonti del diritto, l'interpretazione delle norme e la struttura del rapporto giuridico. La seconda verte sui soggetti di diritto (intesi sia come persone fisiche, sia come enti) e sui diritti della personalità. La terza si concentra, invece, sul regime giuridico che contraddistingue i beni (si pensi alla categoria dei diritti reali, o alla situazione di possesso). La quarta riguarda l’ampio tema del rapporto obbligatorio, ossia le sue fonti e vicende; il contratto in generale; i contratti tipici e i più diffusi contratti atipici; le obbligazioni nascenti da atti unilaterali, da atti illeciti e dalla legge. L'ultima parte del corso, infine, è dedicata ai cenni principali in materia di impresa e società, alla tutela dei diritti, alla prescrizione e alla decadenza, alla pubblicità, alla trascrizione.

Programma esteso

- - -

Bibliografia

Il carico didattico di 12 CFU corrisponde a circa 720 pagine totali.
Sulla piattaforma Elly 2023/2024, per l'intero a.a., vengono messe a disposizione videolezioni con slides e commenti, fruibili dagli iscritti con password al relativo Team dell’insegnamento, che possono fornire valido supporto nello studio della materia.

Lo studio può essere condotto su di un Manuale universitario aggiornato. Si consiglia:
Manuale del diritto privato, a cura di S. Mazzamuto, Giappichelli, Torino, ult. ed., limitatamente alle seguenti parti (circa 720 pagine):
-Parte I (Introduzione);
-Parte II (I soggetti, escludendo il § 9 del cap. V);
-Parte V (I beni, i diritti reali e le situazioni di fatto);
-Parte VI (Le obbligazioni);
-Parte VII (La parte generale del contratto);
-Parte VIII (I singoli contratti:
Cap. XX;
Cap. XXI;
Cap. XXII, escludendo i §§ 4, 6.2, 6.3, 8 e 9;
Cap. XXIII, escludendo i §§ da 4 a 7 e da 9.5 a 9.7;
Cap. XXIV, escludendo il § 2;
Cap. XXV;
Cap. XXVI, escludendo i §§ 2 e 3;
Cap. XXVII, escludendo i §§ 4, 6, 6.1, 6.2;
escludendo l’intero Cap. XXVIII).

Pertanto, dal programma di studio dovranno essere esclusi, indipendentemente dal Manuale adottato, i seguenti argomenti: i rapporti familiari, le successioni a causa di morte, le donazioni, il lavoro nell'impresa.

In ogni caso, per la preparazione, è sempre indispensabile affiancare lo studio del materiale pubblicato su Elly e del Manuale, alla consultazione della Costituzione, del Codice civile e delle principali leggi speciali, che si trovano in appendice alle più diffuse edizioni aggiornate del Codice civile.
Si consiglia, a scelta dello Studente: G. Perlingieri – M. Angelone, Codice civile, Napoli, ESI, ult. ed.,
oppure
A.Di Majo, Codice civile, Milano, Giuffrè, ult. ed.
oppure
Codice civile e leggi collegate, a cura di G. De Nova, Zanichelli, ult. ed.
In particolare, occorre prendere visione del materiale normativo pubblicato sulla piattaforma "Elly" (solo rispetto alle norme ivi indicate): l. 219/2017; D.lgs. 117/2017.

Ai fini di una verifica personale della preparazione prima dell'esame di profitto, si suggerisce lo svolgimento dei quesiti, relativi soltanto alle parti in programma, proposti in:
G. BONILINI, Quesiti di diritto privato. Milleduecentoquesiti con le risposte ragionate, CEDAM, Padova, ult. ed.

Metodi didattici


Le attività didattiche saranno condotte alternando lezioni orali frontali, per la durata di 77 ore, a modalità di apprendimento attivo, per la durata di 20 ore. Durante le lezioni, incentrate, di volta in volta, sull'approfondimento di alcuni istituti, sarà privilegiato il dialogo con la classe. Il Docente pubblicherà le video-lezioni e altro materiale didattico sulla piattaforma Elly 2023/2024, fruibili dagli iscritti con password al relativo Team dell’insegnamento.

Di pari passo, nelle date indicate e rese pubbliche dal relativo Docente, saranno svolte le correlative esercitazioni pratiche guidate (studio di pronunzie giurisprudenziali e di casi elementari, seminari di approfondimento), organizzate nell'ambito del Corso di Istituzioni di Diritto Privato (A-L).

Modalità verifica apprendimento

La valutazione sommativa finale, con voto in trentesimi, consegue a una prova orale (in ordine alfabetico) che prevede minimo tre domande, con riferimento ai testi consigliati e rispetto a tutte le parti indicate. La verifica finale mira a valutare se lo Studente abbia conoscenza e comprensione degli istituti affrontati nel corso delle lezioni, nonché la capacità di applicare tali conoscenze a elementari fattispecie concrete prospettate in sede di esame. La soglia di sufficienza (18/30) si considera raggiunta quando lo Studente avrà mostrato conoscenza e comprensione degli istituti civilistici oggetto del corso e sia in grado di attuare le corrette interazioni tra le varie parti del programma. Se non raggiunge tale risultato l'esame sarà da considerarsi insufficiente. Il voto della prova orale viene comunicato immediatamente al termine della prova stessa.

Per gli Studenti frequentanti (ossia partecipanti in presenza almeno al 70% delle 77 ore totali), è prevista la possibilità di svolgere una prova parziale scritta, la cui data sarà comunicata previamente dal Docente. La prova avrà ad oggetto gli argomenti studiati nel Corso, dal principio, fino alla parte relativa ai beni, diritti reali e situazioni di fatto inclusa (v. sopra "Testi di riferimento"). Il tempo assegnato per la prova è di 45 minuti. La prova, composta di 30 domande a risposta multipla, è valutata in trentesimi. La valutazione si otterrà scalando dal punteggio di 32 il valore di -1 per ciascuna risposta errata o non data. La soglia della sufficienza corrisponde al punteggio di 18, così calcolato (a sua volta da intendersi corrispondente alla votazione di 18/30).
Durante la prova non è consentito l'uso dei codici, né dei manuali o di altri materiali di studio.
Gli esiti della prova sono comunicati entro tre giorni dal relativo svolgimento, mediante pubblicazione di apposita tabella, recante il solo numero di matricola dello studente, sulla pagina Elly 2023/2024 del corso.
Chi abbia conseguito la sufficienza nella prova parziale, può accedere alla prova orale, sostenendo, in uno degli appelli ufficiali d'esame, la parte del programma relativa alle obbligazioni incluse, fino alla conclusione degli argomenti studiati nel Corso (v. sopra "Testi di riferimento"). Il voto finale, in trentesimi, risulta dalla media tra i due punteggi, quello della prova parziale scritta e quello dell'integrazione orale, e viene comunicato immediatamente al termine di quest'ultima.

Altre informazioni

- - -