STORIA ROMANA
cod. 01009

Anno accademico 2022/23
1° anno di corso - Primo semestre
Docente
PAGLIARA Alessandro
Settore scientifico disciplinare
Storia romana (L-ANT/03)
Campo
Storia, filosofia, psicologia, pedagogia, antropologia e geografia
Tipologia attività formativa
Base
60 ore
di attività frontali
12 crediti
sede: PARMA
insegnamento
in ITALIANO

Obiettivi formativi

PREMESSA
Obiettivo del corso di Storia romana (LT) è fornire agli studenti gli strumenti critici per un approccio di base allo studio storico della parabola di Roma dalle origini alla “caduta senza rumore” della pars Occidentis. Il corso di Storia romana si articola in due moduli (A e B) della durata di 30 ore ciascuno: il modulo A è aperto a tutti; la frequenza del modulo B è riservata ai soli studenti che abbiano frequentato il modulo A.

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE
Con la frequenza del corso di Storia romana (LT) lo studente acquisirà una conoscenza e una comprensione generale della storia politica, sociale e istituzionale del mondo romano dalla fondazione dell’Urbs alla ‘caduta’ della pars Occidentis dell’impero.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE
Il corso di Storia romana (LT) fornirà allo studente la strumentazione di base, critica e metodologica, necessaria per leggere e comprendere le diverse tipologie di fonti per lo studio della storia di Roma e quindi per applicare conoscenza e comprensione anche a temi non direttamente toccati nelle lezioni.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO
Nelle lezioni le diverse tipologie di fonti per lo studio della storia di Roma sono fatte interagire con i differenti aspetti della realtà storica: gli studenti potranno così sviluppare, per il momento a un livello di base, la loro autonomia di giudizio nella lettura dei testi antichi e nella interpretazione dei fatti storici.

ABILITÀ COMUNICATIVA
Alla fine del corso di Storia romana (LT) gli studenti avranno acquisito la capacità di esporre con chiarezza, verbalmente o per iscritto, contenuti di livello non specialistico relativi ai principali eventi e problemi della storia del mondo romano.

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO
Alla conclusione del corso di Storia romana (LT) l’esperienza realizzata sul piano teorico e disciplinare dovrebbe fornire agli studenti gli strumenti metodologici e le capacità di apprendimento utili per la continuazione degli studi e/o per lo svolgimento di attività professionali di livello non specialistico.

Prerequisiti

Nessuno. Utile è la conoscenza scolastica delle lingue classiche.

Contenuti dell'insegnamento

L’insegnamento di Storia romana (LT) si articolerà in due moduli: il primo (6 CFU) di base; il secondo (6 CFU) di approfondimento su un importante tema o periodo della storia di Roma antica.
*
STORIA ROMANA (MODULO A)
Il Modulo A, di base (6 CFU = 30 ore di lezioni frontali), ha carattere istituzionale e propedeutico: esso è destinato sia agli studenti che frequentano il corso da 6 CFU che quello da 12 CFU. In questo primo modulo si alterneranno lezioni a carattere evenemenziale, centrate sulla
storia politica e militare dalla fondazione dell’Urbs alla ‘caduta’ della pars Occidentis (754/3 a.C. - 476 d.C.), ad altre relative a grandi temi di cronologia, geografia storica, economia, religione, diritto, epigrafia e storiografia. Attraverso lo studio di un’antologia di testi letterari ed epigrafici, e di materiali iconografici saranno trattate: a) le principali problematiche politiche, sociali ed economiche del mondo romano; b) le fonti, gli strumenti e le metodologie che consentono di ricostruire la storia di Roma, nonché le linee di fondo della storia della storiografia romana.

STORIA ROMANA (MODULO B)
Il Modulo B, di approfondimento (30 ore = 6 CFU), è destinato SOLO agli studenti che intendano sostenere l’esame da 12 CFU. Questo secondo modulo avrà carattere seminariale e sarà dedicato ad una introduzione allo studio dell'epigrafia latina e alla lettura commentata di passi scelti dalle "Res gestae divi Augusti" e dal "De origine et situ Germanorum" di Tacito.

Programma esteso

- - -

Bibliografia

A) ESAME DA 6 CFU

a) Studenti FREQUENTANTI:
1) A. Momigliano, Manuale di Storia romana, a c. di Attilio Mastrocinque, Torino, UTET Università, 2011 (o altra edizione);
2) Materiale didattico illustrato a lezione (disponibile sulla piattaforma Elly).
N.B. Vivamente consigliata è la consultazione di un atlante storico del mondo antico.

b) Studenti NON FREQUENTANTI (o iscritti a sostenere l’esame da 6 CFU come CORSO SINGOLO):
1) A. Momigliano, Manuale di Storia romana, a c. di Attilio Mastrocinque, Torino, UTET Università, 2011 (o altra edizione);
2) A. Giardina, L’uomo romano, Roma-Bari, Laterza, 1989 (o altra edizione).
N.B. Vivamente consigliata è la consultazione di un atlante storico del mondo antico.

============================================

B) ESAME DA 12 CFU

a) Studenti FREQUENTANTI:
1) G. Geraci - A. Marcone, Storia romana, EDITIO MAIOR, con la collaborazione di A. Cristofori, Le Monnier Università - Mondadori Education, Milano, 2017;
2) Materiale didattico illustrato a lezione (disponibile sulla piattaforma Elly).
N.B. Vivamente consigliata è la consultazione di un atlante storico del mondo antico.

b) Studenti NON FREQUENTANTI (o iscritti a sostenere l’esame da 12 CFU come CORSO SINGOLO):
1) G. Geraci - A. Marcone, Storia romana, EDITIO MAIOR, con la collaborazione di A. Cristofori, Le Monnier Università - Mondadori Education, Milano, 2017;
2) A. Giardina, L’uomo romano, Roma-Bari, Laterza, 1989 (o altra edizione).
N.B. Vivamente consigliata è la consultazione di un atlante storico del mondo antico.

Metodi didattici

Lezioni in presenza (che verranno integrate con materiale didattico caricato sulla piattaforma Elly); lettura commentata di testi; dibattito ed esercitazioni su testi campione.

Modalità verifica apprendimento

La verifica avverrà in sede di esame finale. Essa consiste in un colloquio sulle diverse parti del programma, mirato a: 1) verificare la conoscenza delle linee sviluppo della storia romana dalle origini alla tarda antichità (da valutarsi sulla base del manuale in adozione), nonché dei temi approfonditi monograficamente (per gli studenti frequentanti, da valutarsi sulla base dei documenti considerati a lezione; per gli studenti non frequentanti, da valutarsi sulla base della bibliografia integrativa); 2) valutare la chiarezza espositiva, la proprietà di eloquio e l'appropriatezza delle risposte del candidato.

Una valutazione di insufficienza è determinata dalla mancanza di una conoscenza dei contenuti minimi del corso; dall’incapacità di esprimersi in modo adeguato all’argomento; dalla carenza di preparazione autonoma; dall’incapacità di risolvere problemi legati al reperimento di informazioni e alla decodifica di testi; nonché dall’incapacità di formulare giudizi in modo autonomo e di comunicare contenuti, analisi e giudizi in modo argomentato, competente e convincente sia a specialisti che a non specialisti. Una valutazione sufficiente (18-23/30) è determinata da un livello accettabile di performance da parte dello studente degli indicatori di valutazione sopraelencati; i punteggi medi (24-27/30) vengono assegnati allo studente che dimostri di possedere un livello più che sufficiente (24-25/30) o buono (26-27/30) degli indicatori di valutazione sopraelencati; i punteggi più alti (dal 28/30 al 30/30 e lode) vengono assegnati in base alla dimostrazione di un livello da ottimo a eccellente degli indicatori di valutazione sopraelencati.

Altre informazioni

Le lezioni si terranno nel primo semestre (primo e secondo periodo didattico).