DIRITTO AMMINISTRATIVO I
cod. 02526

Anno accademico 2018/19
3° anno di corso - Annuale
Docente
PAGLIARI Giorgio
Settore scientifico disciplinare
Diritto amministrativo (IUS/10)
Campo
Amministrativistico
Tipologia attività formativa
Caratterizzante
72 ore
di attività frontali
12 crediti
sede: PARMA
insegnamento
in ITALIANO

Obiettivi formativi

Gli obiettivi formativi sono di consentire agli studenti, al termine del corso, di avere piena dimestichezza con i principi fondamentali regolanti l’azione amministrativa e di saper utilizzare con facilità gli strumenti ricostruttivi e interpretativi indispensabili nell’applicazione di una materia così complessa come il diritto amministrativo sostanziale. Al termine del corso gli studenti avranno acquisito, proprio in virtù di quanto appena evidenziato, autonomia di giudizio nella disamina di questioni concrete di diritto amministrativo, nonché capacità di articolare con linguaggio tecnicamente corretto le relative argomentazioni.

Prerequisiti

Risulta necessario aver superato gli esami di Istituzioni di diritto privato, Istituzioni di diritto romano e Diritto costituzionale

Contenuti dell'insegnamento

Il corso persegue l’obiettivo di fornire agli studenti le nozioni fondamentali di base del diritto amministravo sostanziale italiano e di approfondire la conoscenza di alcuni degli istituti più importanti in cui il regime giuridico dell’azione amministrativa si concretizza. La prima parte del corso è dedicata alla descrizione dei principi generali del diritto amministrativo. Viene poi trattato il tema delle fonti, con particolare attenzione ai problemi dei rapporti fra l’ordinamento nazionale e quello europeo, da un lato, e fra ordinamento statale e ordinamenti regionali, dall’altro. Si affronta poi l’argomento dell’organizzazione amministrativa, tanto nei suoi aspetti teorici (concetto di ente pubblico, di organo, ecc.), quanto concreti (gli organi amministrativi costituzionalmente necessari, i diversi livelli istituzionali dell’organizzazione, ecc.). Nella seconda parte del corso, viene illustrata la disciplina dell’azione amministrativa. Si inizia dal tema del potere amministrativo e delle sue caratteristiche, passando poi ad analizzare le forme attraverso cui il potere si esercita, cioè il procedimento amministrativo. Vengono individuate le principali categorie di provvedimenti amministrativi, mettendone in luce per ciascuna le peculiarità più rilevanti. Si affronta, infine, la questione dell’invalidità del provvedimento amministrativo e delle connesse responsabilità in capo all’amministrazione. La terza parte del corso riguarda i temi dei beni, dei servizi e dei contratti pubblici. Di ognuna delle relative nozioni viene illustrato il contenuto, mettendo in luce taluni aspetti problematici che queste oggi implicano. Si procede poi a illustrare sinteticamente il regime giuridico specifico di questi tre particolari settori dell’azione amministrativa.

Programma esteso

- - -

Bibliografia

F.G. SCOCA (a cura di), Diritto amministrativo, V ed., Giappichelli, Torino, 2017, escluse parte 6 (capitoli 1 e 2), parte 8 (capitolo 3), e parte 9.
S. TARULLO, Manuale di diritto amministrativo, Bologna, Zanichelli, 2017, esclusa parte 4 (capitolo 3, sezioni 2 e 3)
Il volume a cura di F.G. Scoca può essere utilizzato anche per la preparazione di ulteriori esami e concorsi pubblici, inoltre, in ragione dell’apparato di note, può consentire allo studente puntuali approfondimenti tematici.

Metodi didattici

Le lezioni saranno tenute mirando al massimo coinvolgimento degli studenti, in modo da far sì che esse siano non solo una fase di illustrazione della materia, ma anche già un tempo dell’apprendimento e della preparazione dell’esame.
Nel corso dell’anno, saranno svolte esercitazioni su specifiche tematiche, soprattutto mediante lettura ed esame delle più recenti ed importanti sentenze, riguardanti la materia.

Modalità verifica apprendimento

La verifica finale consisterà in un esame orale, articolato tendenzialmente in tre domande, una per ogni parte del corso: le domande sono finalizzate a comprendere se lo studente ha acquisito sufficienti conoscenze degli aspetti fondamentali di ciascuna parte. A discrezione dello studente, l'esame sarà sostenibile in due colloqui, vertenti su argomenti che saranno previamente indicati dal docente. Le date dei colloqui possono essere concordate con il docente.

Altre informazioni

- - -