FISIOLOGIA VETERINARIA II ED ENDOCRINOLOGIA
cod. 1004811

Anno accademico 2022/23
2° anno di corso - Secondo semestre
Docente
Giuseppina BASINI
Settore scientifico disciplinare
Fisiologia veterinaria (VET/02)
Ambito
Discipline della struttura e funzione degli organismi animali
Tipologia attività formativa
Base
60 ore
di attività frontali
5 crediti
sede: PARMA
insegnamento
in ITALIANO

Modulo dell'insegnamento integrato: FISIOLOGIA VETERINARIA II ED ENDOCRINOLOGIA

Obiettivi formativi

L'insegnamento si propone di fornire allo studente le informazioni per conoscere e comprendere i meccanismi fisiologici responsabili della regolazione della funzione renale, endocrina, e riproduttiva con particolare enfasi agli aspetti omeostatici. Verranno inoltre proposti esempi di integrazione dei processi regolatori allo scopo di consentire allo studente di utilizzare le conoscenze e la comprensione maturate nel corso.
Risultati dell'apprendimento:
-Conoscenza e capacità di comprensione. Lo studente dovrà acquisire una buona conoscenza dei fondamenti della fisiologia cellulare e generale veterinaria, il funzionamento degli organi e degli apparati degli animali domestici, anche in senso comparato. Sarà necessario inoltre comprendere la integrazione tra le varie funzioni.
-Capacità di applicare conoscenza e comprensione. I concetti appresi dovranno venire utilizzati dallo studente per identificare e valutare dati sperimentali e grafici illustrativi delle caratteristiche funzionali degli esseri viventi.
-Autonomia di giudizio. Lo studente dovrà essere in grado di interpretare e discutere in modo critico ed autonomo i dati e le tematiche di ricerca trattate nella letteratura scientifica inerenti al corso.
-Abilità comunicative. Lo studente dovrà dimostrare di utilizzare correttamente la terminologia specialistica nell'esposizione ed essere in grado di analizzare logicamente e sequenzialmente le successioni causa/effetto dei processi fisiologici.

Prerequisiti

- - -

Contenuti dell'insegnamento

In questa parte del corso verrà descritta la fisiologia renale, con particolare riferimento al ruolo svolto da questi organi nella regolazione dell'equilibrio idrico ed elettrolitico dell'organismo e nella regolazione dell'equilibrio acido-base.

La parte seguente del corso verterà sulla trattazione degli ormoni e delle ghiandole endocrine, partendo da aspetti generali per giungere a descrivere funzionalità specifiche. Verranno anche proposte la regolazione dell'omeostasi del calcio e del fosfato e la regolazione ndocrina del metabolismo.

La terza parte del corso avrà come oggetto la fisiologia dell'apparato genitale maschile e femminile e la regolazione endocrina degli eventi riproduttivi. Nella parte finale si tratterà la fisiologia della ghiandola mammaria e la regolazione endocrina della lattazione.

Programma esteso

- - -

Bibliografia

1) O.V. SJAASTAD, K. HOVE, O. SAND "FISIOLOGIA DEGLI ANIMALI DOMESTICI" CASA EDITRICE AMBROSIANA. 2) L. SHERWOOD, H. KLANDORF, P.YANCEY "FISIOLOGIA DEGLI ANIMALI- DAI GENI AGLI ORGANISMI. 3) J.G. CUNNINGHAM "MANUALE DI FISIOLOGIA VETERINARIA" , ANTONIO DELFINO EDITORE;
4) GUYTON AND HALL "FISIOLOGIA MEDICA", PICCIN, PADOVA;5)STANFIELD "FISIOLOGIA" EDISES

Metodi didattici

Gli argomenti del corso verranno affrontati in lezioni frontali. Inoltre, al raggiungimento degli obbiettivi formativi concorreranno anche attività seminariali, visite didattiche e esercitazioni che verranno proposte agli studenti quale approfondimento delle lezioni frontali. Tutto il materiale didattico proposto sarà messo a disposizione degli studenti.

Modalità verifica apprendimento

L’accertamento dei risultati di apprendimento attesi e descritti
dall’indicatore D1, D2 e D3 previsti dal corso prevede una prova orale
(interrogazione orale) orientata alla discussione critica degli aspetti del funzionamento dei diversi apparati, strettamente attinenti agli argomenti trattati nel corso. Con questa prova verrà accertato il raggiungimento degli obiettivi che consentiranno di applicare quanto acquisito in termini di conoscenze. Ogni domanda ha un peso uguale ai fini della valutazione che viene espresso in 30esimi. L’esito della prova viene comunicato al termine della seduta e verbalizzato elettronicamente alla chiusura dell’appello. Non sono previste prove parziali o in itinere.
Gli studenti e le studentesse (StudentƏ) con DSA, BES o disabilità
devono inviare le richieste per poter usufruire in sede d’esame di misure compensative e/o dispensative almeno 10 giorni lavorativi prima della data prevista per l’esame tramite posta elettronica indirizzata al
docente titolare dell’insegnamento e in cc al Referente di
dipartimento (elenco dei referenti e relativi indirizzi mail disponibili
qui http://cai.unipr.it/it/student-con-dsa-e-con-bes/42/) e al Centro
Accoglienza e Inclusione(cai@unipr.it).

Altre informazioni

- - -