FISICA GENERALE 1 (2° MODULO)
cod. 1004640

Anno accademico 2017/18
1° anno di corso - Secondo semestre
Docente
Settore scientifico disciplinare
Fisica sperimentale (FIS/01)
Ambito
Attività formative affini o integrative
Tipologia attività formativa
Affine/Integrativa
21 ore
di attività frontali
3 crediti
sede: PARMA
insegnamento
in ITALIANO

Modulo dell'insegnamento integrato: FISICA GENERALE 1

Obiettivi formativi

Il corso si prefigge di fornire allo studente le nozioni fondamentali della termodinamica. Queste nozioni, illustrate anche attraverso un ampio numero di esempi, dovranno consentirgli di impostare e risolvere semplici problemi e di comprendere alcune proprietà fondamentali della materia, derivanti dalle leggi studiate.
In particolare
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
- conoscere e comprendere la terminologia utilizzata nell’ambito della termodinamica
- conoscenza delle leggi fondamentali e dei principi naturali che governano le trasformazioni termodinamiche.
- conoscenza delle strategie atte a trovare soluzioni specifiche di semplici problemi di termodinamica.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
- risoluzioni di semplici problemi sia in via analitica che numerica inerenti le trasformazioni termodinamiche.
Abilità comunicative (communication skills)
- sviluppo di un linguaggio scientifico corretto, rigoroso e comprensibile che permetta di esporre in modo chiaro e completo le conoscenze e le strategie risolutive imparate nel corso.
Autonomia di giudizio (making judgements)
- Capacità di valutare criticamente i risultati ottenuti nello svolgimento dei problemi.
- Capacità di formulare semplici osservazioni appropriate e possibili descrizioni in situazioni concrete prossime a quelle trattate nel corso
Capacità di apprendimento (learning skills)
- capacità di applicare le conoscenze acquisite per la risoluzione di problemi originali inerenti la termodinamica

Prerequisiti

Analisi Matematica 1
In particolare conoscenza operativa della trigonometria di base, equazioni e sistemi di equazioni di primo e secondo grado, esponenziali e logaritmi, funzioni di variabile reale, limiti, derivate ed integrali.

Contenuti dell'insegnamento

Termodinamica:
Temperatura e calore
Primo principio della termodinamica
Secondo principio della termodinamica

Programma esteso

Termodinamica. Coordinate termodinamiche; temperatura e termometri; leggi dei gas; il lavoro termodinamico, il calore e i principi delle termodinamica (principio zero, I e II principio); trasformazioni termodinamiche; calori specifici e calorimetria; ciclo di Carnot, macchine termiche e frigorifere e loro rendimento; entropia.

Bibliografia

Testi consigliati
Gettys - Fisica 1 - McGraw Hill Quinta Edizione

Walker - Halliday-Resnick-Fondamenti di Fisica - CEA Settima Edizione (vol. primo - Meccanica - Termologia)
oppure
Halliday-Resnick-Krane - Fisica 1 - CEA Quinta edizione

Focardi-Massa-Uguzzoni - Fisica Generale - CEA Vol. Meccanica/Termodinamica e fluidi

Mazzoldi-Nigro-Voci - Elementi di Fisica Meccanica Termodinamica - Edises Seconda Edizione
oppure
Mazzoldi-Nigro-Voci - Fisica Vol.1 – Edises

Ogni altro testo di Fisica Generale a livello universitario (per corsi di laurea in Ingegneria o Fisica) che tratti gli argomenti del corso può essere ugualmente considerato valido ai fini della preparazione. In caso di dubbio consultare il docente.

Metodi didattici

Lezioni frontali in cui saranno discussi i concetti fondamentali con ampia illustrazione di esempi. Ogni argomento trattato è accompagnato da un congruo numero di ore dedicate allo svolgimento di esercizi.

Modalità verifica apprendimento

Esame unico insieme al 1° modulo.
Due prove scritte parziali di cui la prima in corso d'anno (durata 1h20') o prova scritta sull'intero programma in alternativa (durata 2h).
Le prove scritte presenteranno sia esercizi da risolvere per via numerica o letterale che domande di teoria.
Con un voto complessivo superiore a 18/30 si avrà la possibilità immediata di verbalizzare il voto proposto (prova orale a discrezione dello studente che intenda migliorare la votazione, in una qualsiasi delle date di volta in volta proposte - comunque entro e non oltre il termine della III sessione).
Con un voto inferiore nella prova scritta 18/30 ma comunque non inferiore a 12/30 lo studente risulterà ammesso con riserva alla prova orale che potrà sostenere in una qualsiasi delle date di volta in volta proposte (entro e non oltre il termine della III sessione). L'ammissione con riserva significa che, dopo valutazione della prova scritta, nonostante il non conseguimento pieno dei requisiti minimi per la verbalizzazione viene consentito ugualmente di presentarsi all'esame orale: il docente procederà a verificare la reale preparazione dello studente tramite le consuete domande sulla "teoria" nonché eventualmente, se ritenuto necessario, con il supporto di brevi esercizi scritti (è chiaro che non avendo il conforto della prova scritta lo studente DEVE necessariamente conseguire in sede di prova orale la piena sufficienza ).

Altre informazioni

- - -