IGIENE GENERALE ED EPIDEMIOLOGIA
cod. AZ1005063

Anno accademico 2016/17
1° anno di corso - Primo semestre
Docente
Settore scientifico disciplinare
Igiene generale e applicata (MED/42)
Ambito
Scienze propedeutiche
Tipologia attività formativa
Base
30 ore
di attività frontali
3 crediti
sede: Parma Azienda Ospedaliero-Universitaria
insegnamento
in - - -

Modulo dell'insegnamento integrato: PROMOZIONE DELLA SALUTE

Obiettivi formativi

Fornire agli studenti gli strumenti e la metodologia di base per comprendere i concetti e gli ambiti di applicazione della prevenzione delle malattie infettive e cronico-degenerative e le basi dell'epidemiologia applicata (concetti di fattore di rischio, relazione di causalità, tipi di studi epidemiologici

Prerequisiti

- - -

Contenuti dell'insegnamento

Definizione di salute e determinanti di salute/malattia
Il metodo epidemiologico ed elementi di demografia
Epidemiologia generale delle malattie infettive
Cenni di epidemiologia generale delle malattie non infettive
I"livelli di prevenzione": primaria,secondaria e terziaria
Prevenzione generale delle malattie infettive
Prevenzione generale delle malattie cronico-degenerative
Prevenzione speciale delle malattie infettive: (cenni di eziologia,epidemiologia,patogenesi,clinica,prevenzione)
TBC, Influenza,Meningite
Epatite B,Epatite C, HIV
Epatite A,
Agenti di fetopatie : Rosolia,Citomegalovirus,Toxoplasmosi
Prevenzione speciale delle malattie cronico-degenerative (Patologia neoplastica,Diabete,
Malattia cardiovascolare)
Igiene Ambientale (cenni)
Tossinfezioni alimentari, Acqua (inquinamento e requisiti di potabilità)
Infezioni correlate all'assistenza sanitaria
Opportunisti ambientali

Programma esteso

DEFINIZIONE DI SALUTE E DETERMINANTI DI SALUTE/MALATTIA
Definizione di salute e determinanti di salute/malattia- Evoluzione delle definizioni di salute -continuum salute-malattie -l'importanza della misurazione -gli indicatori sanitari
IL METODO EPIDEMIOLOGICO ED ELEMENTI DI DEMOGRAFIA
Definizione di epidemiologia e l'importanza del denominatore (demografia)- le principali misure epidemiologiche: proporzioni e tassi, prevalenza ed incidenza, rischio relativo, odds ratio, gli studi epidemiologici (descrittivi-analitici) e RCT (cenni).
EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE
I microrganismi e noi (saprofiti, commensali e patogeni), infezione e malattia; contagiosità,diffusività,patogenicità, virulenza;
--SERBATOI E SORGENTI malati e infetti (portatori sani, precoci, convalescenti e cronici);
--MECCANISMI (VIE) DI TRASMISSIONE diretta, semidiretta, indiretta; veicoli e vettori.
--CENNI DI EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE NON INFETTIVE
I “LIVELLI DELLA PREVENZIONE”: primaria, secondaria, terziaria.
--PREVENZIONE GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE
Notifica;- -.Accertamento diagnostico;..Isolamento;
- -DISINFEZIONE: principali disinfettanti
--.STERILIZZAZIONE principali metodi di sterilizzazione (strumenti critici, semicritici e non- critici)
--.ASEPSI (mantenimento sterilità)
--ANTISEPSI (abbattimento ed allontanamento patogeni)
--IMMUNOPROFILASSI (OBBLIGATORIETA’) cosa sono i vaccini, principali tipologie, teoria generale dell'immunizzazione attiva. Vaccinazioni obbligatorie del'infanzia
--CHEMIOPROFILASSI: immunoglobuline
--PREVENZIONE GENERALE DELLE MALATTIE CRONICO-DEGENERATIVE
LO SCREENING
PREVENZIONE SPECIALE DELLE MALATTIE INFETTIVE: cenni di eziologia, epidemiologia, patogenesi, clinica, prevenzione)
TBC, INFLUENZA, MENINGITE, MORBILLO
EPATITE A , EPATITE B, EPATITE C, HIV
PREVENZIONE SPECIALE DELLE MALATTIE CRONICO DEGENERATIVE
PATOLOGIA NEOPLASTICA
DIABETE
MALATTIA CARDIOVASCOLARE
IGIENE AMBIENTALE
ACQUA (INQUINAMENTO E REQUISITI DI POTABILITA’)
INFEZIONI CORRELATE ALL’ASSISTENZA SANITARIA: definizione, epidemiologia, fattori di rischio, misure preventive.

Bibliografia

Barbuti,Fara,Gianmanco et al."Igiene"terza edizione,Monduzzi Editore 2011
Carlo Signorelli "Igiene Epidemiologia Sanità Pubblica" quinta edizione Società Editrice Universo 2009

Metodi didattici

Lezione orale

Modalità verifica apprendimento

Test scritto

Altre informazioni

La frequenza del corso, pur non essendo obbligatoria, è fortemente
consigliata.