ISTITUZIONI DI DIRITTO E PROCEDURA PENALE
cod. 1007095

Anno accademico 2023/24
3° anno di corso - Secondo semestre
Docente
Settore scientifico disciplinare
Diritto penale (IUS/17)
Field
"scienze della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro"
Tipologia attività formativa
Caratterizzante
14 ore
di attività frontali
2 crediti
sede: -
insegnamento
in ITALIANO

Modulo dell'insegnamento integrato: SCIENZE GIURIDICHE E MEDICO LEGALI

Obiettivi formativi

Scopo del corso è quello di fornire innanzitutto una conoscenza basica della nozione di reato e dei principali istituti penalisti sostanziali e processuali, al fine di consentire la successiva comprensione delle principali norme incriminatrici, poste a tutela dell'igiene e sicurezza sul lavoro

Prerequisiti

- - -

Contenuti dell'insegnamento

L'unità didattica di Istituzioni di Diritto e procedura penale, in una sua prima parte, tratta sinteticamente i principali istituti della parte generale del diritto penale e del processo penale, per consentire ai frequentanti la comprensione delle tematiche che più specificamente riguardano "la disciplina penale a tutela della sicurezza ed igiene sul lavoro".
Tra le tematiche "generali", verrà affrontata sinteticamente anche quella della responsabilità da reato delle persone giuridiche prevista dal d.l.vo n. 231/2001, operante anche in relazione al verificarsi dei più gravi infortuni sul lavoro.
Successivamente si analizzeranno i principali reati (contenuti nel codice penale e nel d.l.vo n. 81/2008) in materia di igiene e sicurezza sul lavoro.
Verranno inoltre esposte le definizioni normativizzate nel d.l.vo n. 81/2008, indispensabili per la comprensione delle fattispecie penali in materia.
Verrà altresì analizzato brevemente il contenuto del d.l.vo n. 758/1994.

Programma esteso

In una sua prima parte, tratta sinteticamente i principali istituti della parte generale del diritto penale e del processo penale, per consentire ai frequentanti la comprensione delle tematiche che più specificamente riguardano "la disciplina penale a tutela della sicurezza ed igiene sul lavoro".
Tra le tematiche "generali", verrà affrontata sinteticamente anche quella della responsabilità da reato delle persone giuridiche prevista dal d.l.vo n. 231/2001, operante anche in relazione al verificarsi dei più gravi infortuni sul lavoro.
Successivamente si analizzeranno i principali reati (contenuti nel codice penale e nel d.l.vo n. 81/2008) in materia di igiene e sicurezza sul lavoro.
Verranno inoltre esposte le definizioni normativizzate nel d.l.vo n. 81/2008, indispensabili per la comprensione delle fattispecie penali in materia.
Verrà altresì analizzato brevemente il contenuto del d.l.vo n. 758/1994.

Bibliografia

Sulla parte generale del diritto penale:
- Alessio Lanzi - Stefano Putinati, Istituzioni di diritto penale dell'economia, Giuffrè editore, Milano, ult. ed.
oppure
- Alberto Cadoppi - Paolo Veneziani, Elementi di diritto penale. Parte generale, Cedam, Padova, ult. ed.
Sulle normative in materia di igiene e sicurezza sul lavoro:
- Giuseppe Santoro Passarelli (a cura di), La nuova sicurezza in azienda. Commentario al Titolo I del D.Lgs. n. 81/2008, Ipsoa, Milano, ult. ed.

Metodi didattici

Il corso prevede una serie di lezioni frontali, nelle quali verranno affrontati i principali argomenti oggetto dell’insegnamento, attraverso il coinvolgimento diretto degli studenti, e verranno esaminate alcuni atti processuali ed importanti sentenze pronunciate in materia.

Modalità verifica apprendimento

L’esame finale è scritto, nel preappello svolto immediatamente dopo il termine delle lezioni, oppure orale a scelta dello studente. Nell'esame scritto verranno poste 4 domande aperte, cui dare una risposta contenuta in 5 righe per ciascuna e 5 domande a risposta multipla. Nell'esame orale verranno poste tre domande sui temi affrontati durante il corso. In questo caso per superare l'esame gli studenti dovranno rispondere in modo pienamente sufficiente ad almeno due.

Altre informazioni

- - -