PEDAGOGIA DELLA LETTURA E DELLA LETTERATURA GIOVANILE
cod. 1004592

Anno accademico 2017/18
1° anno di corso - Secondo semestre
Docente
Settore scientifico disciplinare
Storia della pedagogia (M-PED/02)
Ambito
Discipline pedagogiche e metodologico-didattiche
Tipologia attività formativa
Caratterizzante
30 ore
di attività frontali
6 crediti
sede:
insegnamento
in ITALIANO

Obiettivi formativi

Il corso, professionalizzante, si ripromette di fornire agli studenti più compiuta conoscenza dell'odierna e della trascorsa editoria per l'età evolutiva e della relativa problematica psico-pedagogica e didattica; di maturare competenze pedagogiche, psicologiche e didattiche atte a valutare i libri per ragazzi e altri prodotti di intrattenimento, alfabetici e non alfabetici, nei più disparati contesti educativi e in relazione alle differenti età dello sviluppo; di condurli alla riscoperta di alcuni classici, sottoposti a rivisitazione pedagogica; di sensibilizzarli sul problema del pregiudizio e di aiutarli a discernere libri e altri prodotti narrativi atti a superare posizioni di chiusura e di pregiudizio e a creare una cultura dell'accoglienza e della solidarietà.

Prerequisiti

Nessuno

Contenuti dell'insegnamento

Problematica socio-psico-pedagogica del libro per ragazzi; l'odierna produzione editoriale; scelta e valutazione dei libri per l'età evolutiva; il linguaggio dell'illustrazione; paure infantili di fonte narrativa; il problema della comprensione (linguistica e concettuale); analisi critica di alcuni classici per la gioventù; la natura del pregiudizio; sua presenza nella trascorsa e nell'odierna comunicazione narrativa, con particolare attenzione alla fiaba; libri, fumetti, manuali scolastici, cartoon, film possibile fonte di pregiudizio ma anche potenziale risorsa per il suo superamento.

Programma esteso

Scelta e valutazione dei libri per l'infanzia, la fanciullezza e la prima adolescenza: grafica, apparato iconografico, linguaggio e contenuti; incidenza delle letture sulla sfera emotiva e valoriale e sugli atteggiamenti; nodi cruciali della critica del libro per ragazzi, dal problema della comprensione a quello della "censura"; critica pedagogica di alcuni classici per la gioventù e di alcuni autori "di svolta", alla luce dell'odierna condizione dell'infanzia e dell'adolescenza e delle corrispondenti istanze educative; psicopedagogia della fiaba nelle sue versioni classica e moderna e nelle sue odierne riscritture e rivisitazioni iconografiche; il motivo del pregiudizio nella narrativa fiabesca; altri pregiudizi e stereotipi nella trascorsa e nella presente narrativa per ragazzi nonché nei cartoon del nuovo millennio, nel cinema e nella pubblicità; libri e film per il superamento del pregiudizio.

Bibliografia

Testi
A. Nobile (ed.), Pedagogia della letteratura giovanile, La Scuola, Brescia, 2017 (gli studenti che avessero studiato il testo nella triennale lo sostituiranno con A. Nobile, D. Giancane, C. Marini, Letteratura per l'infanzia e l'adolescenza, La Scuola, Brescia, 2011).
A. Nobile, Il pregiudizio, La Scuola, Brescia, 2014.
Lettura integrale delle fiabe di Perrault (inclusa Pelle d'asino nella versione in prosa) e di C. Rodia, Ti racconto il Sud. Fatti, fiabe e leggende della tradizione orale, Adda, Bari, 2018.
N.B. Gli studenti che hanno conseguito la laurea triennale presso altri atenei dovranno mettersi in contatto anche via mail con il docente per una bibliografia personalizzata.

Metodi didattici

Lezione frontale, momenti seminariali, riflessioni e discussioni critiche, analisi, col supporto di immagini, di testi letterari, di illustrazioni e di cartoons.

Modalità verifica apprendimento

Esame orale.

Altre informazioni

Per gli studenti interessati, è prevista una visita, guidata dal docente, alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna.